L’Associazione crede che la persona con disabilità non sia né un malato da curare, né un bambino da proteggere, anzi un persona con delle potenzialità da sviluppare. L’Associazione sviluppa progetti che aiutano a raggiungere diversi gradi di interdipendenza, attraverso percorsi pensati per la singola persona con disabilità. Dall’interdipendenza è possibile allenarsi per raggiungere una vera e propria autonomia, che significa anche autonomia abitativa.

Lasciando libera la persona di fare le proprie scelte, il percorso individua nelle attività di routine quotidiana le occasioni per raggiungere una sempre maggiore autonomia. Più che pensare a “risolvere” una problematica sul momento, l’obiettivo è di fornire gli strumenti per sentirsi sicuri nelle attività della vita: dalla cura di sé e della casa, dal lavoro / occupazione fino alla gestione delle relazioni con gli altri.

Il fine ultimo è il ben-essere della persona, il suo diritto ad avere una “vita buona”.

hand gesture 2 - Allenamento alla vita indipendente

Peer education: una nuova sfida per le persone con disabilità

shutterstock 679200796 - Allenamento alla vita indipendente

L’esperienza
Il desiderio di diventare adulti e la possibilità di confrontarsi con i propri coetanei, in un percorso di “educazione alla pari”, per mettersi tutti insieme in gioco. È l’esperienza vissuta dall’estate del 2016 da un gruppo di 7 ragazzi tra i 22 e i 34 anni, conclusa nell’estate del 2017 con l’organizzazione in autonomia in un soggiorno al mare, e dai loro “peer educator”, i coetanei Luca, Andrea e Gloria, che dal 2014 hanno seguito un percorso di propedeutica all’abitare in un appartamento a Sacile. I tre ragazzi, durante i due incontri programmati ogni settimana nell’arco dell’anno, hanno mostrato al resto dei coetanei tutto ciò che hanno a loro volta potuto sperimentare, seguiti da una equipe di educatori.

L’educatore tutor
La peculiarità del percorso di “peer education”, che ha l’obiettivo di aumentare il ventaglio delle autonomie non solo dal punto di vista pratico, ma soprattutto relazionale, è la presenza di un solo educatore definito “educatore tutor”. Il tutor, attraverso le competenze dei peer educator e il loro coinvolgimento attivo, favorisce il trasferimento delle autonomie al nuovo gruppo di ragazzi: come gestire una casa, tenere curato il proprio corpo, relazionarsi con gli amici. Non è stato sempre facile riuscire a gestire le relazioni. “Condividendo insieme lo stesso appartamento e con il supporto degli educatori, siamo riusciti a conoscerci meglio e andare d’accordo”, raccontano i tre “peer educator”.

Le attività esterne
Il percorso ha previsto molte attività esterne: la visita dei paesi vicini (Udine, Treviso, Pordenone), la partecipazione alle iniziative offerte dalla comunità, e anche attività ludiche, come la gita organizzata a Gardaland. Durante l’estate 2017 le autonomie sono state messe alla prova in occasione del soggiorno al mare: i 7 ragazzi, divisi in due micro-gruppi, hanno scelto l’appartamento, a Bibione, il periodo, i giorni di vacanza (due settimane), hanno prenotato l’appartamento e organizzato l’intera vacanza, raggiungendo il luogo di soggiorno in modo autonomo con i mezzi pubblici, il tutto con il minimo supporto educativo (circa 20 ore distribuite in 4 interventi mirati per tutto l’arco delle due settimane di vacanza).

shutterstock 683087854 - Allenamento alla vita indipendente
shutterstock 582621547 - Allenamento alla vita indipendente
shutterstock 551142124 - Allenamento alla vita indipendente

I risultati
Il cambiamento di contesto è stato stimolante e ha permesso di raggiungere risultati significativi: una maggiore gestione delle dinamiche di gruppo; una nuova percezione dei propri soldi, guadagnati per la maggior parte grazie alle borse lavoro, in un’ottica di risparmio; una maggiore gestione della casa. I tre “peer educator” hanno fatto visita agli altri coetanei, trascorrendo una intera giornata insieme alle terme. La stretta comunicazione tra le famiglie e il servizio ha permesso ai ragazzi di continuare a sviluppare le proprie autonomie anche a casa propria. Il forte desiderio dei ragazzi di avere una vita indipendente, fuori dal nucleo familiare, si è concretizzato con una lettera scritta dai ragazzi stessi, in cui hanno richiesto di fare una esperienza abitativa “..come quella di Luca, Andrea e Gloria (i peer educator)”.

News

Laluna Cart5x1000 100x150 web OK - Allenamento alla vita indipendente